Si ricorda che è possibile pubblicare le proprie attività sulla newsletter quindicinale del CSV Asso.Vo.Ce. inviando un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 19.00 della giornata antecedente alla pubblicazione della stessa, indicando titolo dell'iniziativa, data, luogo e finalità dell'incontro.

È caldamente raccomandato l’uso del modello qui in allegato.

Potranno essere allegati al messaggio comunicati stampa, brochure, locandine, etc.

Per ragioni logistiche, chiediamo di indicare sempre i recapiti di chi promuove l'iniziativa: questi potranno essere utilizzati sia dalla Referente d'area (che si riserva la facoltà di contattare gli organizzatori per raccogliere ulteriori informazioni) che essere pubblicati in calce alla notizia pubblicizzata (qualora il referente dell'attività non desiderasse che i propri contatti vengano citati in newsletter dovrà espressamente indicarlo, fornendo, se è possibile, riferimenti alternativi).

Le associazioni potranno inoltre pubblicare autonomamente le proprie iniziative sulla Banca Dati delle associazioni di volontariato casertane (LINK) utilizzando username e password forniti dal CSV Asso.Vo.Ce.

Chi avesse difficoltà ad accedere al portale o non avesse ricevuto i propri dati identificativi può contattare il CSV e chiedere assistenza al tecnico informatico Giuseppe Giaquinto.

La prossima newsletter sarà pubblicata venerdì 24 gennaio 2020.

 

DIRETTIVO DEL CSV ASSO.VO.CE.

I consiglieri incontreranno le OdV presso gli sportelli territoriali

Al fine di favorire la vicinanza tra CSV e organizzazioni di volontariato territoriale i consiglieri del CSV Asso.Vo.Ce. Giuseppe Rauso, Michela Pirozzi, Salvatore Cuoci ed Ermanno Petrenga si renderanno disponibili a incontrare le OdV casertane presso gli sportelli territoriali dell’Agro Aversano e della Valle di Suessola. Le OdV potranno confrontarsi con loro sui problemi territoriali, sulle politiche del CSV e su proposte operative per migliorare i servizi offerti.

Il Calendario degli incontri sarà il seguente:

Rauso sarà presente il secondo mercoledì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello della Valle di Suessola

Pirozzi sarà presente il primo mercoledì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello della Valle di Suessola

Cuoci sarà presente il secondo venerdì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello dell’Agro Aversano

Petrenga sarà presente l’ultimo venerdì del mese dalle 16:00 alle 18:00 allo sportello dell’Agro Aversano

 

AZIONI DI CO-PROGETTAZIONE SOCIALE ASSO.VO.CE.

Al Via l’ampliamento delle partnership di Buono a Rendere, Dritti al Punto e NODI: incontri territoriali il 28, il 29 e il 30 gennaio iscriviti

A partire da fine gennaio, il CSV Asso.Vo.Ce. invita gli ETS ODV e non ODV che hanno aderito nel 2018 alla coprogettazione e quelli interessati  a prendere parte ai progetti già attivi (Diritti al punto a Caserta e comuni limitrofi;  Buono a Rendere nella Valle di Suessola; NoDi nell’Agro Aversano) a un ciclo di incontri territoriali nei quali tirare le somme delle attività svolte finora e ampliare la partecipazione ad altri ETS.

Le realtà nate in seguito alla Coprogettazione 2018 sono ad oggi ad un punto strategico della loro costituzione: è arrivato il momento dei bilanci per i punti di Tutela di Diritti nati in seno alle Odv del casertano e per gli Sportelli Antidiscriminazione NoDi dell’Agro Aversano, inaugurati nell’estate del 2019 e pertanto dotati di uno “storico” che ad oggi consente di individuare le buone prassi da incentivare e le criticità da correggere anche con la partecipazione di ulteriori soggetti.

Il neo costituito Emporio Solidale Buono a Rendere, inaugurato solo poche settimane fa, si lancerà a breve nella sfida della piena operatività, con l’individuazione dei primi soggetti destinatari degli interventi e la prima erogazione dei servizi: una fase delicata, che potrà beneficiare dell’incontro con nuove esperienze.

Chi ha già preso parte alla coprogettazione, o chi intende aderivi a partire dal 2020, è invitato a  partecipare agli incontri, che si terranno:

  • per Dritti al punto a Caserta presso la Caserma Sacchi (in Via S. Gennaro), il 28 gennaio alle ore 15:30 (iscrizioni entro il ..qui)
  • per Buono a Rendere presso la sede dello sportello Asso.Vo.Ce ad Arienzo (Via Annunziata, 13) il 29 gennaio alle ore 15:30 (iscrizioni entro il ..qui)
  • Per NoDi presso la sede dello sportello a S. Cipriano (Via Ten. Grassi, 2) il 30 gennaio alle 15:30 (iscrizioni entro il ..qui)

Chi ha già preso parte alle attività progettuali potrà portare in sede di riunione osservazioni e spunti per il prosieguo delle attività.

Le nuove adesioni potranno avvenire solo su base territoriale , nel rispetto di quella che è la sede legale dell’ente di appartenenza  (Valle di Suessola – Buono a Rendere; Agro Aversano – NoDi; altri territori - Diritti al Punto).

Ricordiamo che non è possibile l’erogazione diretta di risorse agli ETS, ma il CSV sarà Centro di Costo delle attività.

 Per maggiori informazioni: Contattare la segreteria organizzativa del CSV Asso.Vo.Ce. allo 0823/326981 e chiedere del direttore Giulia Gaudino o della referente all’area progettazione Pasqualina Campagnuolo; in alternativa è possibile mandare un’e – mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

I progetti in breve

  • Il progetto “Diritti al Punto” consta nell’attivazione di una serie di punti di tutela dei diritti, dotati di un “area accoglienza”, nella quale operatori qualificati supporteranno tutti coloro che, in una o più circostanze, non abbiano visto tutelati i loro diritti, e di un’ “area orientamento al lavoro” che riguarda la raccolta di informazioni circa le opportunità lavorative dirette ai giovani, nonché sui percorsi di formazione sull’impresa sociale.

Sono stati attivati diversi punti di tutela dei diritti, presso i quali professionisti e associazioni di volontariato lavorano sinergicamente: presso l’ITIS Francesco Giordani di Caserta le associazioni AIDO Caserta, Generazione Libera, EMMEPI4EVER e Rain Arcigay Caserta si occupano di Orientamento al lavoro, Diritti del malato e sostegno alle persone per i disturbi del comportamento alimentare, Sostegno e orientamento sulle problematiche giovanili e di difesa e promozione dei diritti LGBT+ e parità di genere; A Vairano Patenora le OdV Abili Diversamente, Aido Caserta e Rain Arcigay si impegnano in Promozione e difesa dei diritti al lavoro, tutela dei Diritti del malato e sostegno alle persone con disturbi del comportamento alimentare, Diritto alla salute e alla vita, Difesa dei diritti dell'uomo e dell'ambiente, consapevolezza sulle problematiche giovanili, Tutela dei diritti delle persone con disabilità e Difesa e promozione dei diritti LGBT+ e parità di genere; presso l’ex Caserma Sacchi AIPD, Aitf, Uildm e Rain Arcigay Caserta si occupano di Promozione e difesa dei diritti al lavoro, tutela dei Diritti del malato e sostegno alle persone con disturbi del comportamento alimentare, Diritto alla salute e alla vita, Difesa dei diritti dell'uomo e dell'ambiente, consapevolezza sulle problematiche giovanili, Tutela dei diritti delle persone con disabilità e Difesa e promozione dei diritti LGBT+; al Carcere di Carinola, dove ogni 15 giorni l’associazione Generazione Libera portaavanti uno sportello di Cittadinanza Attiva e legalità.

Brochure

Iscriviti all’incontro del 28 gennaio  

  • Il progetto Buono a Rendere consentirà a 20 cittadini residenti nei comuni di Arienzo, Cervino, Maddaloni, San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico e Maddaloni – selezionati mediante uno specifico avviso pubblico – di ritirare gratuitamente presso l’Emporio i generi di prima necessità disponibili e usufruire dei servizi messi a disposizione nello “Scaffale relazionale”. I beneficiari dell’intervento potranno contribuire a loro volta alla vita della comunità mettendo a disposizione tempo, saperi e competenze attualmente non valorizzati dal mercato del lavoro.

Hanno reso possibile la realizzazione dell’Emporio le organizzazioni di volontariato Kairos, Il Laboratorio, Misericordia di San Felice a Cancello, Associazione “Sentieri Nuovi” Onlus, Gianluca Sgueglia Onlus, Cds Ama, Gli Amici Del Borgo, Associazione Leo Onlus, Associazione Alice Onlus, Solidarietà Cervinese, Pronto Diritti Ama, Ulivo, Ali E Radici, A.Na.Vo., Civiltà 2.0. Hanno inoltre fornito il loro supporto il Comune di Arienzo e dell’ASL Caserta, a partire dai locali che saranno dedicati alle attività: Buono a Rendere  e Sportello territoriale CSV saranno infatti ospitati da un bene di proprietà dell’ASL Caserta, concesso al Comune di Arienzo con un comodato d’uso gratuito e successivamente affidato al CSV.

Brochure

Iscriviti all’incontro del 29 gennaio 

  • Il progetto NoDi in comune (un acronimo che richiama il No alla Discriminazione alla base dell’idea progettuale, ma anche i “nodi” della rete al servizio del cittadino), è attivo presso le sedi dei quattro comuni che hanno aderito all’iniziativa: il martedì dalle 15:30 alle 18:00 a Castel Volturno (in P.zza Annunziata n. 1) con l'associazione A.R.Ca.; il mercoledì dalle 15:00 alle 17:30 a Frignano (presso la Sala Consiliare, Corso Vittorio Emanuele II n. 78), con l’associazione Il Coraggio di Briciola ;  il giovedì 15:30 – 18:00 a San Cipriano d’Aversa (in Via Virgilio n. 6) con le associazioni Omnia, Nella Rete e SIAM; il mercoledì dalle 15:30 alle 18:00 a Teverola (Atrio Comunale, Via Cavour n .1) con le associazioni Vinci e Sì Teverola.

Possono accedere al servizio singoli cittadini, familiari, parenti o componenti della rete informale (es. vicinato), da un tutore giuridico, da Servizi sanitari (UO ospedaliere, UO distrettuali ecc, da servizi sociali). Per ciascun soggetto preso in carico è  elaborato un progetto Educativo Individualizzato (PEI) a cura di una equipe qualificata composta da Assistente sociale, psicologo, legale e mediatore culturale.

Partecipano  alle attività, in collaborazione con le OdV già citate e i comuni che hanno fornito gli spazi  le Cooperative Sociali Agropoli e Davar e le APS Patatrac e Comitato don Peppe Diana.

Brochure

Iscriviti all’incontro del 30 gennaio 

 

Percorso formativo: Pratiche uso sociale beni confiscati alla mafia

Corso itinerante dal 1 al 15 febbraio, a seguire laboratori di coprogettazione. Iscrizioni entro il 30/01/2020 ore 12,00  

Il CSV Asso.Vo.Ce. realizzerà a partire dal 1 febbraio il Percorso formativo “Pratiche uso sociale beni confiscati alla mafia”.

Il corso, programmato per orientare sui temi connessi alla legge n. 109/96 (‘Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati’) ed alle pratiche d’uso sociale dei beni confiscati si propone di illustrare le opportunità di sviluppo sociale ed economico che l’uso dei beni confiscati può generare, insieme alla dimensione etica e simbolica; illustrare le modalità d’applicazione e gli strumenti di attuazione della legge sull’uso sociale dei patrimoni recuperati alla criminalità organizzata, in particolare a vantaggio delle organizzazioni di volontariato; promuovere e avviare iniziative di cittadinanza attiva, finalizzate alla sensibilizzazione dei diversi livelli istituzionali coinvolti nel procedimento di destinazione dei beni e all’uso degli stessi da parte dell’associazionismo.

Le attività formative saranno realizzare in una prima fase in modalità itinerante, con visite di durata giornaliera (10 – 16,00) presso alcuni beni confiscati della provincia di Caserta attualmente gestiti da ETS: su richiesta sarà possibile avvalersi di un servizio pullman messo a disposizione del CSV.

Successivamente i partecipanti saranno chiamati a lavorare in gruppo su progetti di riuso sociale di beni confiscati, supportati da tutor esperti.

Possono iscriversi volontari operativi presso gli ETS OdV della provincia di Caserta  ed aspiranti volontari fino al termine del 30 gennaio 2020 ore 12:00

Gli argomenti trattati durante il percorso formativo

  • Il Codice delle leggi antimafia: applicazione in Campania
  • Le politiche di coesione in Italia e in Campania
  • Monitoraggio dei beni confiscati in provincia di Caserta
  • Il riutilizzo sociale dei beni confiscati in provincia di Caserta: esperienze realizzate
  • I benefici fiscali per le imprese che finanziano il recupero dei beni confiscati previsti dal Codice del Terzo Settore
  • Attivazione di laboratori territoriali di co-progettazione

Il calendario delle attività  

  • 1 febbraio 2020 dalle ore 10 alle ore 16 presso NCO a Casal di Principe, Via G.Giacosa, 25
  • 8 febbraio dalle 10 alle 16 presso coop Al di là dei sogni Maiano di Sessa Aurunca, Strada Provinciale 124
  • 15 febbraio dalle 10 alle 16 presso il centro LGBT del Mediterraneo, a Castel Volturno in via Cosenza 39 (Parco Faber)

Su richiesta sarà possibile avvalersi di un servizio pullman messo a disposizione del CSV.

I pasti saranno forniti a cura di Asso.Vo.Ce.

Successivamente sarà comunicato il calendario dei laboratori/ gruppi di progetto.

Attestati di partecipazione

Sarà rilasciato un attestato di partecipazione a chi frequenterà almeno ¾ delle lezioni.

I destinatari delle attività formative:

Il corso è rivolto a volontari ed aspiranti volontari della provincia di Caserta.

Nello specifico:

  • Potranno partecipare tutti i volontari degli ETS ODV costituiti ai sensi della legge 266/91 e/o ai sensi dell’art. 32. del Codice del Terzo Settore 117/17 con sede legale in provincia di Caserta.
  • si garantirà la partecipazione al corso - sempre fatta salva la capienza dell’aula – di almeno un volontario per associazione. Sarà comunque possibile per le odv presentare fino a due iscrizioni, la seconda delle quali sarà accolta qualora al termine delle procedure di iscrizione restassero ancora posti liberi;
  • si intendono per "aspiranti volontari" membri della società civile, residenti nella provincia di Caserta, che desiderino lanciarsi in un'esperienza di volontariato, e che attraverso la partecipazione a tale percorso formativo intendano acquisire ulteriori informazioni sulle attività delle OdV. Qualora le iscrizioni al percorso formativo eccedessero l'effettiva capienza dell'aula formazione, il CSV Asso.Vo.Ce. si riserva la possibilità di operare una selezione delle istanze ricevute, privilegiando chi già opera all'interno di un'OdV.

Modalità di iscrizione:

Le iscrizioni dovranno pervenire esclusivamente entro le ore 12:00 del 30 gennaio 2020.

Per iscrizioni: compila il form on line

 

OPPORTUNITÀ PER ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

Scadenza: 31 gennaio 2020

Chiesa Evangelica Valdese (Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi)

La Chiesa Evangelica Valdese concorre, come altre confessioni religiose, alla ripartizione dei fondi Otto per Mille IRPEF e ha scelto di destinare tutti i contributi ad essa spettanti esclusivamente al sostegno di interventi sia in Italia che all’estero. A tal fine, ogni anno, viene offerta la possibilità alle organizzazioni senza finalità di lucro di presentare progetti di assistenza sociale e sanitaria, interventi educativi, culturali e di integrazione, programmi di sostegno allo sviluppo e di risposta alle emergenze umanitarie, ambientali e climatiche per ottenere un contributo economico.

Possono essere destinatari dei contributi: Enti facenti parte dell’ordinamento metodista e valdese; Organismi Associativi italiani o stranieri (es. Associazioni, Comitati, ONG e Cooperative Sociali di tipo A/B purché il finanziamento richiesto sia usato per finalità assistenziali, umanitarie e culturali e comunque non per attività lucrative); Organismi ecumenici italiani o stranieri.

I progetti 2020 verranno finanziati con la quota di destinazione relativa alla dichiarazione dei redditi 2017. Nell’edizione del 2019 tale quota si è attestata attorno ai 43 milioni di euro (relativi alla ripartizione 2016) con la quale la Chiesa Valdese ha finanziato 1435 progetti (489 all’estero e 946 in Italia). L’elenco dei progetti finanziati nel 2019 e negli anni precedenti (con indicazione dell’ammontare dei contributi) è consultabile nella sezione “progetti finanziati” del sito web.

Per maggiori informazioni: LINK

 

Centro per il libro e la lettura del MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo

Scadenza: 14 febbraio 2020 alle ore 18:00

il Centro si rivolge a fondazioni, associazioni culturali e altri organismi senza scopo di lucro al fine di promuovere lo sviluppo e la sperimentazione di didattiche rivolte alle scuole secondarie di primo e secondo grado per l’elaborazione di percorsi di studio e formazione sulla centralità della lettura. Le iniziative di formazione rivolte ai docenti dovranno essere incentrate sulla formazione di competenze specifiche nell’ambito della Reading Literacy.

In particolare, i progetti dovranno:

  • coinvolgere gli insegnati, incentivandone la partecipazione attiva, anche con riferimento a progetti culturali già presenti sul territorio;
  • favorire la conoscenza delle biblioteche e delle librerie del territorio;
  • favorire a lettura e il lavoro su libri che verranno propost durante i corsi;
  • favorire momenti di lettura a voce alta.
  • Possono presentare domanda di ammissione al finanziamento fondazioni, associazioni culturali e altri organismi senza scopo di lucro che abbiano esperienza almeno biennale – riconosciuta e documentata – di formazione ed educazione alla lettura.

Ciascun soggetto non può presentare più di una proposta progettuale.

Per maggiori informazioni: LINK

 

L’AGENDA DELLE ASSOCIAZIONI

Sì TEVEROLA

Premio di poesia “I versi non scritti” , scadenza: 26 aprile 2020

L’associazione di volontariato Sì Teverola  ha bandito la 4 a edizione del Premio Internazionale di Poesia “I Versi non scritti…”, sostenuto moralmente da: Provincia di Caserta, Istituto Comprensivo “G.Ungaretti” – Teverola, Csv-AssoVoCe – Caserta, e gode della collaborazione esterna delle Associazioni: “Migr-Azioni” Aps – Teverola e “Happy Teverola”- Teverola. Il bando è raggiungibile al sito www.citytelling.info.

Si può partecipare con opere inedite e testi editi, a una o più delle seguenti sezioni:  POESIA INEDITA ITALIANA; POESIA IN DIALETTO/LINGUA STRANIERA; LIBRO EDITO DI POESIA;  VIDEO-POESIA; RACCONTO INEDITO.

Sono ammesse opere in lingua italiana. Le opere in lingua straniera, devono essere tradotte in modo leggibile, in lingua italiana. La partecipazione richiede l’invio di due poesie per ciascun autore (una sola copia per poesia). E’ inoltre istituita, a latere del concorso generale, una Sezione Speciale riservata a tutti gli allievi del primo e secondo ciclo di istruzione.

Scadenza ultima per l’invio degli elaborati è il 26 aprile 2020, ore 23.59.

Per informazioni: LINK